Totò Cascio Malattia

Spread the love

Totò Cascio Malattia:- “Non ho mai rivelato la verità: ho sviluppato la retinite pigmentosa e ha dovuto fermarsi esecuzione.” Nelle parole di Tot Cascio, il ragazzo che ha recitato con Philippe Noiret in pellicola premio Oscar di Giuseppe Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso” nel 1990. Nel trailer per il cortometraggio “A Occhi Aperti”, l’attore descrive il suo “incontro” con una rara condizione ereditaria che rischia di prendere la sua vista e colpisce uno ogni 3.000 persone. Un trailer per il cortometraggio sarà accessibile on RaiPlay a partire dal 12 dicembre, e sarà in onda su Rai1.

Totò Cascio Malattia
Totò Cascio Malattia

Quel labirinto non mi spaventa; Ho scappato. Il Movimento Film e Rai Cinema hanno prodotto il film per la Fondazione Telethon, che ha come protagonista Mauro Mancini come un 11-year-old ragazzo che deve fare i conti con gli effetti di un tipo pigmentata della retinite malattia.

Pur essendo poetico e attraente per l’occhio, “A Occhi Aperti” è anche un film molto diretto, pulito e onesto. Ci sono molti modi diversi di guardare Tot Cascio ora, e tutti raccontano una storia diversa sulla sua vita. E ‘un dialogo tra il Totus del passato e il Totus di oggi. Inoltre, Philippe Noiret, il direttore della fotografia del film, sembra avere una risposta in sintonia con le affermazioni di Tot per un breve momento.

I personaggi, impostazioni e altri aspetti del film sono tutti presentati in sequenza tutta la narrazione. Un labirinto siciliano funge da metafora della situazione di Tot: un labirinto senza via di fuga. L’immaginazione dell’attore viene alimentato dal labirinto mentre ascoltiamo la fine della narrazione.

Totò Cascio Malattia
Totò Cascio Malattia

Ci sono 23 progetti di ricerca finanziati dalla Fondazione Telethon dedicata alla pigmentosa retinite (un gruppo di malattie della retina che causano la perdita progressiva della vista, alla fine portano a cecità totale nei casi più gravi), e la Fondazione Telethon ha investito più di 5,5 milioni di euro euro (ndr). Nel documentario, Cascio afferma: “Vedo le luci o un flusso di luci nel centro della mia visione.” In una conferenza stampa on-line, reagisce ai giornalisti. Ha una sorta di degenerazione maculare che sta causando fargli perdere la sua visione.

Non riusciva più a vedere. Preoccupato per il giovane, così come i suoi genitori e fratelli, il più importante dei quali è influenzata da retinite pigmentata, come è il caso con lui, Quando la gente mi ha chiesto perché non era tornato sul palco per un po ‘, io didn ‘t dire nulla perché non sapevo cosa dire o come rispondere. Non appena non hai più dubbi su di te, troverete la voce per quel labirinto, che chiamerò “la mia condizione.”

E ‘un “commosso e allegro” sentimento dopo aver visto il cortometraggio di Cascio. Portare il bambino Tot da Nuovo Cinema Paradiso a contatto con l’adulto Tot da Nuovo Cinema Paradiso è stato un sogno che diventa realtà per me. Ho passato un sacco di tempo e ho pensato su questo, e ho sviluppato il mio metodo di determinazione ho bisogno non qualcosa del truth.It. “Secondo un Rai Cinema pubblicità, Mauro Mancini sta ora lavorando al suo quinto progetto per Rai Cinema e Telethon, ‘un impegno’, che è stato in sviluppo con la ‘Fondazione per promuovere la ricerca’ per 16 anni. Paolo Del Brocco è un attore italiano e regista.

Totò Cascio Malattia
Totò Cascio Malattia

Un “gioco di rimandi” in cui si trovavano presso i siti di film storici come “Nuovo Cinema Paradiso” è stato un “lusso e un’esperienza profondamente emozionale” per Tot e Mauro Mancini, secondo Mancini. Di conseguenza, “Gloria e dimostrare” sono stati sempre nelle orecchie al momento dell’incidente. “(Il successo e la celebrità ci fanno a disagio, ma come dice Cascio, ‘la vera persona emerge dal crogiuolo’. Il processo di creazione di questo breve video mi ha permesso di riconquistare la mia sensazione interiore di potenza e la spontaneità.

%d bloggers like this: